Assicurazione moto

Stipulare una polizza di assicurazione moto non è assolutamente semplice o meglio non è semplice stipulare una polizza moto senza rovinarsi economicamente

Scherzi a parte, è fondamentale avere una polizza che sia adatta alle nostre esigenze e che sia il più completo possibile

Si tratta di un contratto dal costo più elevato rispetto a quello dell’RC auto per diverse motivazioni, la prima delle quali riguarda le eventuali ferite che possono scaturire da un incidente.

Scopriamo insieme le caratteristiche principali delle assicurazioni relative ai mezzi motoristici a due ruote, con i fattori che incidono in misura maggiore e alcune misure che possono essere attuate per ridurre la spesa su base annuale.

I fattori che fanno innalzare il prezzo di una polizza di assicurazione moto


Come già accennato in precedenza, l’assicurazione moto ha un prezzo medio nettamente superiore rispetto a quello dell’assicurazione auto. Vediamo quali sono le voci di spesa che incidono su una polizza di questo genere e che ne fanno lievitare l’entità economica complessiva.

Le tariffe dell’assicurazione moto

Le tariffe messe in atto dalla compagnia assicurativa sono senz’altro il fattore da tenere maggiormente in considerazione. È necessario eseguire un confronto tra le varie aziende e trovare quella dalla polizza migliore e dal prezzo più adeguato.

Esistono molti comparatori online per l’assicurazione della moto, ma bisogna fare attenzione a districarsi tra le varie coperture, non è sempre detto che il prezzo minore rappresenti la migliore polizza , è fondamentale scegliere le coperture assicurative che ci servono.

La classe di merito per l’assicurazione della moto

La classe di merito dalla quale si proviene incide molto. Chi acquista un mezzo motoristico a due ruote viene inserito in automatico nella quattordicesima classe, con progressivo miglioramento in caso di nessuna infrazione.

L’eta del conducente

L’età del conducente è importante perché corrisponde ad un determinato grado di esperienza raggiunto alla guida di una moto ed è un fattore determinante

La residenza del conducente

Anche La residenza di chi stipula la polizza può fare la differenza perché il premio assicurativo varia di città in città. Sicuramente esisterà un tariffario in base ai rischi delle città ed è per questo che una polizza a Milano costa diversamente da una polizza a Roma

La cilindrata della moto

La cilindrata del mezzo non va lasciata in secondo piano. In genere, ad una maggiore quantità di cilindri presenti nel motore corrisponde una spesa complessiva superiore.
La scelta delle garanzie accessorie fa crescere molto il prezzo di un’assicurazione moto.

Entrando nei particolari, bisogna scegliere se introdurre o meno la polizza furto/incendio, la tutela contro atti vandalici, la difesa del conducente, la formula kasko e tante altre ancora.
Le dichiarazioni nel preventivo devono corrispondere al vero, senza che si introducano voci false soltanto per ottenere un risparmio economico. Infatti, in tali casi, si rischia seriamente di incorrere in una falsa dichiarazione, e quindi di non ricevere alcun tipo di risarcimento economico quando subisce un qualsiasi danno.

Con un’attenta valutazione è possibile fare in modo che ciascuna voce indica meno possibile sul costo complessivo della polizza moto.

La chance di migliorare la classe di merito grazie al Decreto Bersani


A partire dal 2007, il mondo dell’assicurazione auto e soprattutto moto ha vissuto una serie di cambiamenti positivi per il cliente grazie all’introduzione del Decreto Bersani. La legge numero 40 del 2007 permette al nuovo assicurato di stipulare per la prima volta una polizza riguardante un qualsiasi veicolo, con la chance di acquisire la stessa classe di merito del familiare assicurato che possiede la migliore e che ha uguale residenza.

Con tale sistema, un neopatentato ha l’opportunità di migliorare la propria classe di merito fin dal momento della sua prima immatricolazione, con vantaggi economici che si notano da subito. La moto può essere tranquillamente sia nuova che usata e non deve essere mai stata assicurata. Inoltre, la misura può scattare anche quando non sussiste alcun vincolo di parentela.

Basta vivere sotto lo stesso tetto. La classe di merito non può essere trasferita tra due veicoli differenti, ossia da un’auto a una moto e viceversa. Il Decreto Bersani è valido soltanto per clienti privati, mentre le moto aziendali non possono prendervi parte in alcun modo.

La scelta del preventivo migliore

Nella scelta della migliore assicurazione moto, è necessario mettere a confronto i vari preventivi e trovare quello capace di garantire un rapporto più conveniente fra qualità e prezzo. Prima di tutto, bisogna selezionare una compagnia assicurativa che risulti pienamente affidabile.

Di aziende fisiche e online che propongono servizi di questo genere ce ne sono moltissime, ma sono poche quelle che sanno cogliere l’esigenza di un determinato cliente e trovare la formula giusta per un risparmio adeguato. Anche chi da diversi anni ha stipulato un contratto con una certa compagnia può scegliere di stipularne un altro con la stessa, senza dover sostenere costi aggiuntivi e in piena sicurezza.

Inoltre, il cliente può trovare la polizza RC moto più vantaggiosa senza dover corrispondere alcun tipo di penale alla compagnia precedente. Nessun contratto viene rinnovato in maniera automatica, ma esiste una totale libertà di scelta che viene sollevata da qualsiasi genere di vincolo. In ogni caso, chiedere aiuto ad un buono sconto web applicato ai nuovi clienti può essere sicuramente d’aiuto.

Questo elemento è stato inserito in Moto. Aggiungilo ai segnalibri.